LA STRANA PROMESSA DI IEFTE

Nell’1090 a.C. fra gli Israeliti era giudice un certo Iefte, a quel tempo questo popolo era in guerra con gli Ammoniti, un popolo poco corretto e dedito ad azioni considerate fallose e perciò meritevoli di ammonizione da parte di tutti gli altri popoli.

Si narra che Iefte fece una solenne promessa, forse pensando che aveva poche chance di vittoria contro un popolo dal comportamento scorretto, comunque la promessa prevedeva, in caso di vittoria, che al ritorno a casa chiunque per primo gli sarebbe andato incontro lo avrebbe ucciso in sacrificio.

Riteniamo questo genere di promesse arcaiche e violente fuori luogo e assai pericolose, possiamo solo immaginare che quando fece tale promessa egli stava pensando a sua suocera o qualche altro parente indigesto, sta di fatto che una promessa è una promessa.

Per sua immensa sfortuna vinse la guerra e mesto fece ritorno a casa, pregando che per primo gli venisse incontro la suocera, invece gli venne incontro la sua unica figlia che lo accolse persino danzando dalla gioia di rivederlo.

Iefte, invece, preso da immensa disperazione si strappò le vesti e la figlia preoccupata, pensando che la guerra aveva fatto uscire di senno il padre, cercò di consolarlo dicendogli che se non gli piaceva quel vestito potevano comprarne un altro.

Iefte allora spiegò il motivo della sua disperazione e la figlia rimase attonita ma non si scompose, disse che le promesse vanno mantenute, però, chiese di poter fare un’ultima vacanza di due mesi in montagna con le sue amiche per fare una sorta di addio al nubilato essendo ancora lei nubile e vergine.

Intanto crediamo che le amiche in realtà fossero degli amici e che voleva darsi alle pazze gioie prima del suo sacrificio, in ogni caso sembrò una richiesta assai furbetta.

Iefte, pur comprendendo che dietro a tale richiesta si annidava un furbo piano della figlia, gli concesse questo suo ultimo desiderio.

Si narra che alla conclusione di questa vacanza la figlia tornò e Iefte la sacrificò.

Abbiamo seri dubbi che le cose siano andate in questo modo, è più probabile che la figlia non tornò più dalla vacanza e se la diede a pazza gioia con un bell’imbusto del paese in barba alle promesse del padre che ne scontò l’inattendibilità verso gli Dei punendolo per l’eternità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: