OMERO: QUELLO CHE NON CI HANNO RACCONTATO

Semmai dovesse esserci un personaggio storico dell’antichità che sia stato al centro delle attenzioni dei vari insegnanti, ieri e oggi, e con il quale ci hanno riempito la testa (e altro) fino alla nausea …. questi è il famoso poeta OMERO.

Ma chi fu veramente quest’uomo che è causa di molte emicranie studentesche… beh nessuno lo sà.

Si dà per scontato che questo grande poeta abbia scritto l’Iliade e l’Odissea, intramontabili racconti che hanno riempito pagine di vita e di riflessioni non esclusivamente storiche, tanto da essere delle icone buone a qualunque scopo.

Per carità, dei veri capolavori!

Ma a scriverli è stato davvero un uomo… e per giunta tale Omero.

Intanto diciamo che della sua vita non si sà un bel nulla e ciò dovrebbe far accendere qualche lampadina nelle nostre teste visto che anche per il più abominevole e pusillanime personaggio passato per caso nella storia si sà anche quando andava in bagno.

Non che si voglia sapere granchè ma almeno quando è nato, dove è nato (su questo vi sono addirittura diatribe legali fra ben 7 città che sostengono di essere il suo vero luogo natio, troppe per pensare che forse non è nessuna di queste e vi sia dell’interesse poco lodevole per asserirlo), peraltro ovviamente non si sà neppure quando sia morto … passi per la nascita, l’anagrafe era cosa assai precarie, ma uno come lui che ha narrato e scritto tali capolavori avrebbe quantomeno meritato un degno funerale pubblico.

Una cosa, però, i cronisti ce l’hanno detta, pare che costui fosse cieco!

Come abbia potuto, a quel tempo, un uomo dichiaratamente cieco poter scrivere, non una piccola cosa, ma addirittura due lunghi poemi … è una cosa che neppure gli esperti storici, che la sanno lunga, hanno potuto spiegare.

I casi sono due: aveva a disposizione schiavetti a cui dettare i poemi oppure altri avevano scritto i poemi ma si vergognavano di quello che hanno scritto e hanno fatto firmare al povero cieco del villaggio per non essere scoperti.

Abbandoniamo un attimo queste riflessioni e facciamo finta che fosse davvero esistito, perciò andiamo, con un po’ di fantasia, a descriverlo.

Omero era un “osso duro” (scusate il gioco di parole ma non sono riuscito a resistere), un tipo tenace che era in grado di sostenere delle palle (al secolo bugie) fino a far desistere qualsiasi detrattore, tanto che, presi per stanchezza, finirono tutti per crederci,

Riuscì a mettere insieme una mitica montagna di fantasiose bugie che ancora oggi ne possiamo godere e nel nostro personale gotha ricopre senz’altro un posto d’onore.

Entriamo allora in questo mondo.

Prima di narrare la vera Iliade e Odissea, partiamo dal contesto in cui nascono queste e altre leggende intorno alla guerra di troia, perchè cari signori, sappiate che la guerra di Troia è effettivamente esistita, magari un poco meno colorita di come l’ha dipinta Omero, o colui (coloro) che hanno scritto L’Iliade e L’Odissea, ma questa disputa diventata mitica è davvero avvenuta.

Nei prossimi articoli cercheremo meglio di entrare nel merito di questa mitica vicenda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: